Home » Comunicazioni » Protocollo di collaborazione con il comune di San Salvatore

Protocollo di collaborazione con il comune di San Salvatore

Per l’alfabetizzazione e l’insegnamento della lingua italiana.

 

Nei giorni scorsi a Va­lenza si è svolto un incontro promosso dalla Prefettura di Alessandria per la sottoscrizio­ne del protocollo di collabora­zione per l’alfabetizzazione e l’insegnamento della lingua italiana ai migranti richiedenti asilo ospitati in strutture di ac­coglienza (CAS). «La suddetta sottoscrizione di intenti – spie­gano da San Salvatore Monfer­rato, dove recentemente sono giunti quattordici migranti di origine nigeriana – ha visto coinvolti, insieme alla Prefet­tura di Alessandria l’Ufficio Scolastico Territoriale, i Cpia (centro provinciale istruzione adulti) della Provincia, il comune capo zona, gli enti gesto­ri (cooperative) dei CAS della Provincia e i comuni limitrofi sedi di CAS». Per il Comune di San Salvatore Monferrato era presente l’assessore ai Servi­zi Sociali Laura Merlo. «Con l’Assessore Andrea Germonio spiega il sindaco Enrico Bec­caria – la Croce Rossa e il suo presidente e consigliere comu­nale Ugo Testa, e un gruppo di volontari della Consulta Gio­vani, il percorso di integrazione è già cominciato». La defini­zione del protocollo avvenuta a Valenza permetterà agli enti gestori di CAS, in collaborazio­ne con i Cpia della provincia, di poter meglio assicurare l’e­rogazione del servizio: i quat­tordici ragazzi ospitati a San Salvatore inizieranno i corsi presso il CPIA di Casale Mon­ferrato non appena saranno completate le necessarie for­malità. Nell’attesa la locale se­zione della Croce Rossa Ita­liana ha messo a disposizione una sala per svolgere l’attività didattica, complementare a quella che si svolgerà a Casale, che vede la presenza di inse­gnanti volontari i cui requisi­ti corrispondono ai criteri di valutazione delle competen­ze richieste dal CPIA. «Nei due incontri già fatti – concludo­no dalla cittadina della torre i ragazzi hanno dimostrato curiosità, interesse e volontà all’apprendimento mentre al­cune associazioni giovanili e sportive li supporteranno nel loro percorso di integrazione”.

Da “Il Monferrato” del 21/11/2017
Translate »